Arilus cristatus – Insetto della Ruota

154

Insetto della Ruota – Arilus cristatus

L’insetto della ruota, Arilus cristatus, è un insetto velenoso appartenente alla famiglia Reduviidae. In lingua inglese è conosciuto come wheel bug o sail-back dinosaur bug.

Arilus cristatus - Insetto della ruota

L’Arilus cristatus è un insetto timido che cerca sempre di evitare il contatto con eventuali intrusi più grandi di lui. Se disturbato e provocato però, l’insetto diventa aggressivo e tenta ripetutamente di mordere. Gli esemplari tenuti in cattività hanno mostrato diversi casi di cannibalismo. Il suo morso è molto doloroso anche per gli esseri umani.

Questo piccolo animale produce anche dei suoni strofinando la punta del rostro sul torace. Tuttavia lo scopo di tali suoni non è ancora stato chiarito.

Aspetto

L’insetto della ruota, nello specifico la femmina, raggiunge una lunghezza massima di 3,8 mm. Il maschio è leggermente più piccolo. Questi animaletti sono caratterizzati da una struttura dorsale a forma di ruota da cui l’insetto prende anche il nome.

L’Arilus cristatus ha 3 paia di zampe molto lunghe, 2 antenne altrettanto lunghe, un rostro e 2 grandi occhi. La femmina possiede inoltre 2 ghiandole di color rosso arancione che utilizza quando si sente in pericolo. Queste ghiandole infatti  emettono un profumo (piacevole per gli esseri umani) che serve per allontanare eventuali predatori.

Questi insetti hanno anche un paio di ali che permettono loro di volare. Le ali sono per metà ricoperte di tessuto e per metà simili a quelle delle mosche. Il loro volo è piuttosto rumoroso ed anche un po’ goffo. L’insetto si muove molto lentamente e conta anche sulle sue capacità mimetiche per proteggersi dai predatori.

Il colore degli esemplari adulti è un misto di sfumature comprese tra il grigio ed il marrone. Il colore del rostro e delle antenne è rossastro.

Arilus cristatus - Insetto della ruota

Habitat

L’insetto della ruota vive prevalentemente in ambienti verdeggianti ricchi di vegetazione. Lo si trova spesso nei campi di girasole, di cotone oppure sui tronchi degli alberi da frutto. È in questo ambiente infatti che abbondano gli insetti e quindi le potenziali prede per l’Arilus cristatus.

Sono animali diurni ma non è raro vederli aggirarsi di notte negli ambienti illuminati dalla luce artificiale.

Alimentazione

Questo animale si nutre di una larga varietà di insetti, dalle api agli scarafaggi, dalle coccinelle ai bruchi. L’insetto della ruota è anche uno dei pochi animali che cacciano il Megalopyge opercularis, un altro insetto velenoso. La maggior parte delle sue prede sono parassiti, per questo motivo viene considerato un animale positivo per orti e giardini.

La sua tecnica di caccia è molto efficace. L’insetto sta appostato su un fiore o su un albero in attesa che passi una preda. Al momento opportuno, si avventa sulla preda e con il suo rostro la trafigge e gli inietta la saliva. Questa contiene una sostanza tossica che paralizza e quindi immobilizza la preda entro 15-30 secondi dal morso.

In seguito l’insetto della ruota si nutre della sua preda succhiandone letteralmente il contenuto. Questo infatti nel frattempo è stato pre digerito dagli enzimi presenti nella saliva iniettata.

Veleno

Il veleno dell’Arilus cristatus non rappresenta un pericolo per gli esseri umani. Il suo morso tuttavia è molto doloroso e la sua intensità è stata valutata 10 volte superiore alla puntura d’ape.

In caso di puntura, il dolore è persistente e duraturo. In seguito compare una sorta di indolenzimento che può durare da alcuni giorni fino a 2 settimane. La zona vicino alla puntura di solito si arrossa e diventa calda.

Il periodo di guarigione varia in base alla sensibilità individuale alle tossine del veleno. Nel caso dovessero presentarsi dei sintomi diversi da quelli sopra citati, come ad esempio gonfiori e difficoltà respiratorie, è obbligatorio rivolgersi subito ad un medico. È possibile infatti che, in caso di allergia al veleno, si vada incontro ad uno shock anafilattico.

Gli effetti gravi e prolungati della sua puntura possono anche essere causati da infezioni secondarie. Anche in questo caso è d’obbligo l’intervento medico.

Arilus cristatus - Insetto della ruota

Riproduzione

Il periodo riproduttivo dell’Arilus cristatus coincide con l’autunno. Dopo l’accoppiamento, la femmina produce in genere dalle 40 alle 180 uova e dopo muore. Le uova hanno forma cilindrica con una sorta di tappo di colore bianco e sono lunghe 3,7 mm. Queste sono incollate tra loro da una sostanza dura e gommosa che le protegge da eventuali predatori. Le uova impiegano circa 60 giorni a schiudersi e di solito vengono deposte in luoghi elevati come tronchi, rami e foglie.

Una volta schiuse, dalle uova escono le ninfe che avranno bidogno di 5 mute per raggiungere l’età adulta.

Diffusione

Mappa diffusione Arilus cristatus - Insetto della ruota
Mappa diffusione Arilus cristatus – Insetto della ruota

L’insetto della ruota è presente in Alabama, Arizona, Arkansas, California, Carolina del Nord e del Sud, Colorado, Delaware, Florida, Georgia, Guatemala, Illinois, Indiana, Iowa, Kansas, Kentucky, Louisiana, Messico, Mississippi, Missouri, Nebraska, New York, Nuovo Messico, Ohio, Oklahoma, Pennsylvania, Rhode Island, Tennessee, Texas, Vermont e Virginia.

Arilus cristatus – Insetto della Ruota