Calabrone Gigante Asiatico – Vespa mandarinia

5042

Calabrone Gigante Asiatico – Vespa mandarinia

Il calabrone gigante asiatico, Vespa mandarinia, appartiene alla famiglia delle Vespidae. È conosciuto anche come calabrone giapponese ed è il più grande calabrone al mondo. In lingua inglese è chiamato Asian giant hornet.

Calabrone gigante asiatico - Vespa mandarinia Il calabrone gigante asiatico, o calabrone giapponese, è originario dell’Asia orientale. Negli ultimi anni in Europa, Italia compresa, sono stati segnalati casi di punture con decessi attribuiti a questo insetto.

Tali notizie però sono errate ed hanno provocato un inutile allarmismo tra la popolazione. Si ritiene che le varie segnalazioni siano da attribuire alla meno pericolosa Vespa velutina.

Aggiornamento

Negli ultimi tempi sono stati registrati alcuni avvistamenti della Vespa mandarinia anche in Italia, in particolare in Liguria. Anche in Friuli Venezia Giulia e Piemonte sono stati avvistati alcuni esemplari di questo pericoloso insetto.

Le segnalazioni però non sono state ufficializzate da esperti del settore per cui il condizionale resta ancora d’obbligo. È certa invece la presenza in Italia della meno pericolosa Vespa velutina.

Aspetto

Il calabrone gigante asiatico ha una grande testa di color arancione con occhi di colore scuro, una grande mandibola ed un paio di antenne marroni.

Il suo corpo misura 5 cm e le ali, di color grigio scuro, quando sono aperte, misurano circa 8 cm. Le regine hanno dimensioni leggermente più grandi.

La Vespa mandarinia ha 3 paia di zampe, quelle anteriori più chiare, le centrali e le posteriori più scure. L’addome presenta un’alternanza di strisce nere e giallo arancio.

A differenza di altri tipi di vespe, il pungiglione del calabrone gigante asiatico non è uncinato e resta quindi nell’addome dell’insetto anche dopo la puntura. In questo modo la vespa può pungere ripetutamente la sua vittima.

Calabrone gigante asiatico - Vespa mandarinia

Photo Credit: Commons Wikipedia

Habitat

Il calabrone gigante asiatico vive per lo più nelle foreste in pianura e nelle zone collinari dove il clima è temperato e dove c’è abbondanza di cibo. Le zone boschive rappresentano anche l’ambiente ideale per la costruzione dei nidi.

Questi insetti trascorrono i mesi freddi all’interno di alberi marcescenti o sottoterra. Al risveglio la regina dà inizio alla costruzione del nido che avviene sottoterra con l’occupazione di una tana abbandonata (di roditori o altri animali).

La profondità dei loro nidi varia dai 6  ai 60 cm. In alcuni casi il nido può anche essere costruito all’interno di un albero cavo. Il nido viene costruito con materiale vegetale prodotto dalla masticazione della corteccia di giovani rami.

Il Veleno

Il veleno viene iniettato nelle vittime per mezzo del pungiglione che misura 6 mm. Il veleno, che contiene 8 diversi componenti, ha un LD50 pari a 4,1 mg/Kg e danneggia i tessuti umani provocando un dolore molto forte. La sua tossicità è inferiore a quella della comune ape ma la sua pericolosità è data dalla maggior quantità iniettata.

Tra i composti presenti nel veleno c’è una feromone che è in grado di richiamare gli altri componenti della colonia di calabroni giganti asiatici. Questo fatto aumenta a dismisura il potere aggressivo di questi temibili insetti.

Il veleno contiene inoltre una neurotossina chiamata mandaratossina che può essere letale per gli esseri umani. Questa tossina può portare alla morte in caso di allergia e se la quantità iniettata è di una certa rilevanza.

Calabrone gigante asiatico - Vespa mandarinia

Ogni anno in Giappone muoiono circa 40 persone a causa della puntura della Vespa mandarinia. I decessi sono causati nella maggior parte dei casi da una reazione allergica alle tossine del veleno.

In tutti i casi di decessi registrati al mondo, la maggior parte sono avvenuti per shock anafilattico o per arresto cardiaco. Nei casi di punture multiple, il veleno provoca seri danni ai reni, al cuore ed al fegato.

Cosa fare in Caso di Puntura

In caso di una o più punture è necessario recarsi al più presto presso un presidio medico. Se si è impossibilitati a farlo occorre chiamare i soccorsi e nell’attesa è consigliabile lavare la ferita con acqua, tè o vino rosso.

Queste 2 ultime bevande contengono tannini che sono efficaci contro alcuni componenti del veleno.

È consigliato anche l’utilizzo di pomate antistaminiche ed a base di cortisone. In caso di puntura i movimenti bruschi attirano ancora di più i calabroni giganti asiatici. Per evitare di essere punti più volte si consiglia di allontanarsi con calma evitando movimenti dettati dal nervosismo.

Prevenzione

La Vespa mandarinia protegge il proprio nido in un raggio di 10 metri. Se si scorge un nido e si supera tale soglia, si rischia di venir attaccati e punti da più esemplari.

Sembra che questi insetti siano attratti dal colore nero. Se indossate indumenti di questo colore tenetevi ben alla larga dai nidi dei calabroni giganti asiatici.

Dieta

Il calabrone gigante asiatico è un predatore insaziabile. Le sue prede preferite sono le api, le mantidi ed altre specie di calabroni. Quando la loro colonia è matura, questi insetti diventano ancora più aggressivi per procurarsi il cibo. In poco tempo sono capaci di sterminare intere colonie di api.

Nel suo habitat naturale la Vespa mandarinia non ha predatori. L’unica minaccia nei suoi confronti è rappresentata come sempre dall’uomo che con la deforestazione sta riducendo sempre più l’habitat naturale di questi insetti.

In alcuni paesi del Giappone addirittura, le larve di questi calabroni sono considerate delle prelibatezze. Vengono infatti consumate crude o fritte.

Ultimamente in Asia si stanno producendo degli integratori e delle bevande energetiche a base di secrezioni larvali di calabrone gigante asiatico. Tali prodotti vengono pubblicizzati come integratori per migliorare la resistenza fisica.

Calabrone gigante asiatico - Vespa mandariniaPhoto Credit: Commons Wikipedia

I Calabroni Giganti e le Api

Spesso questi temibili insetti attaccano gli alveari delle api. In genere la tecnica utilizzata è questa: quando un esploratore di Vespa mandarinia trova un alveare di api, emette un ferormone che comunica agli altri calabroni l’esatta posizione dell’alveare.

Il calabrone gigante asiatico è 5 volte più grande e 20 volte più pesante dell’ape mellifera. Grazie alle sue potenti mandibole, un singolo esemplare di calabrone può uccidere 40 api in un minuto. Molto spesso con un solo morso è capace di dividere un ape in due.

Una volta che tutte le api sono state uccise i calabroni si nutrono del miele presente nell’alveare ed utilizzano le larve per alimentare le loro larve.

Le api europee (Apis mellifora) che sono state importate in Asia per la produzione di miele, sono praticamente inermi di fronte alla Vespa mandarinia. Le specie native dell’Asia invece, come ad esempio l’Apis japonica cerana, hanno sviluppato un interessante tecnica di difesa.

In pratica queste api, quando rilevano la presenza di un calabrone esploratore, lo lasciano avvicinare e poi lo ricoprono letteralmente con i loro corpi. A questo punto le api muovono velocemente le ali producendo un grande calore. Questo cuoce letteralmente il calabrone e gli impedisce di comunicare la posizione dell’alveare ai suoi simili.

Riproduzione

L’accoppiamento della Vespa mandarinia avviene in primavera ed ha una durata molto breve, dagli 8 ai 45 secondi. Una volta che la regina ha preparato il primo abbozzo del nido, produce fino a 40 uova che diventeranno la prima generazione di calabroni operai.

Verso la fine dell’estate la regina produce migliaia di uova. Quelle fecondate diventeranno le regine della prossima stagione mentre quelle non fecondate daranno alla luce dei maschi.

I giovani calabroni vengono nutriti dagli adulti con una pasta fine derivata dalla masticazione delle prede.

Gli operai vivono dalla primavera fino all’inverno. In genere i maschi muoiono dopo l’accoppiamento. Le regine invece vivono fino ad un anno.

Diffusione

Diffusione Calabrone gigante asiatico - Vespa mandarinia
Diffusione Calabrone gigante asiatico – Vespa mandarinia

Il calabrone gigante asiatico è presente in India, Korea, Cina, Taiwan, Laos, Giappone, Nepal, Sri Lanka, Cambogia, Vietnam, Myanmar e Thailandia.

Calabrone gigante asiatico – Vespa mandarinia