Pesce scorpione – Pterois volitans

1388

Pesce scorpione – Pterois volitans

Il pesce scorpione, nome scientifico Pterois volitans, è conosciuto anche con i nomi di pesce leone e scorpena volante.

È un pesce d’acqua salata e fa parte della famiglia Scorpaedinae. Tutte le specie di pesci appartenenti a questa famiglia sono dotate di spine velenose che provocano punture dolorose e talvolta possono portare alla morte.

Pesce scorpione - Pterois-volitans

Nonostante la sua pericolosità, il Pterois volitans è un pesce così bello da essere particolarmente ambito da tutti gli appassionati di acquari marini.

Il pesce scorpione è diventato una specie invasiva lungo la costa orientale degli Stati Uniti ed ai Caraibi. Per limitarne la diffusione, in queste zone viene incoraggiata la pesca di questo splendido pesce a scopo alimentare.

Il Pterois volitans viene spesso confuso con il Pterois miles che, pur appartenendo allo stesso genere ed assomigliandogli molto, è una specie diversa.

Aspetto

Il pesce scorpione è dotato di grandi spine velenose che sporgono dal suo corpo creando una specie di criniera. Proprio da questa caratteristica deriva uno dei suoi nomi, pesce leone.

Il colore di fondo è solitamente marroncino, rosso marrone o marrone scuro. Presenta inoltre delle striscie verticali più chiare, solitamente bianche.

Un pesce scorpione adulto può raggiungere la lunghezza massima di quasi 50 cm anche se la lunghezza media si aggira intorno ai 35/40 cm.

La piccola testa è dotata di una grande bocca e di occhi sporgenti. Il dorso è curvo e la coda ampia e smussata.

Comportamento

Il pesce leone usa i suoi aculei solo per difesa. I maschi, specie nel periodo dell’accoppiamento, sono più aggressivi delle femmine.

Quando si sente minacciato apre le pinne ed assume una curiosa posizione a testa in giù. Mettere la testa verso il basso infatti, gli permette di posizionare gli aculei proprio di fronte all’aggressore.

Il veleno

Il veleno del pesce scorpione ha un un LD50  pari a 1 mg/kg.

Questo veleno è composto da acetilcolina e da una tossina che agisce sulla trasmissione neuromuscolare.

Anche se molto raramente la puntura del Pterois volitans porta un essere umano alla morte, è bene non sottovalurne i pericoli.

Sintomi

Il veleno del pesce scorpione può provocare tre diversi livelli di avvelenamento, con una grande varietà di sintomi.

Nei casi di avvelenamento più lievi si verificano sintomi locali quali il dolore intenso, l’eritema ed una sensazione di calore alla zona colpita.

Negli avvelenamenti di secondo grado si può presentare una vescicolazione intorno alla ferita.

Nei casi più gravi, il veleno del Pterois volitans può provocare sintomi ben più seri come la necrosi dei tessuti circostanti alla puntura, nausea, paralisi, disorientamento, convulsioni, crollo della pressione e, molto raramente, l’arresto cardiaco.

Pesce scorpione - Pterois-volitans

Trattamento di Primo Soccorso e Cure Mediche

Se si viene punti da un pesce scorpione è molto utile intervenire il prima possibile con l’automedicazione.

Il veleno di questo pesce è termolabile, diventa inattivo con il calore. La cosa migliore da fare è quindi immergere la zona colpita in acqua molto calda, intorno ai 45°.

In alternativa, cercate di coprire la puntura con qualcosa di caldo, va bene anche la sabbia della spiaggia.

Il ricovero in ospedale non è necessario a meno che non si presentino sintomi gravi. Contro il veleno del Pterois volitans i medici somministrano un antitetanico e dei corticosteroidi.

Habitat

È possibile trovare il pesce leone nelle lagune, presso le barriere coralline e dove ci sono fondali rocciosi. Di giorno questi pesci preferiscono sostare sotto le sporgenze degli scogli, tra le fessure o all’interno di grotte e cavità marine. Tollerano temperature dell’acqua che vanno dai 15° ai 32°.

Il Pterois volitans preferisce le acque poco profonde ma è possibile trovarlo anche a più di 50 mt di profondità.

Alimentazione

Il pesce scorpione caccia dal tardo pomeriggio all’alba, quindi è un animale prevalentemente notturno. Questa specie di solito usa uno scatto fulmineo, dal basso verso l’alto, per ingoiare le sue prede tutte intere.

Quando si avvicina ad una preda il Pterois volitans apre le sue pinne pettorali per nascondere il movimento della coda. Il suo colore variegato induce le prede a confonderlo con lo sfondo corallino, permettendogli così di attaccarle senza che loro fuggano.

Altre volte il pesce leone aspetta il passaggio dei banchi di pesci. Quando i pesci saltano fuori dall’acqua per sfuggire ad altri predatori, lui li aspetta a 30 cm dalla superficie e li mangia non appena ricadono in mare.

Questo pesce è in cima alla catena alimentare nelle zone della barriera corallina. Si alimenta prevalentemente di crostacei e pesciolini, compresi i piccoli della sua stessa specie.

Il pesce scorpione ha una grande varietà di prede e ne caccia una notevole quantità. In un anno consuma mediamente prede pari ad otto volte il suo peso corporeo.  Per tale motivo questo pesce sta diventando una minaccia per gli ecosistemi che non gli appartenevano e che ha invaso per colpa dell’uomo.

Accoppiamento e Riproduzione

Pesce scorpione - Pterois-volitans
Pesce scorpione – Pterois-volitans

Il pesce scorpione è un animale solitario e si aggrega ad altri pesci solo nel periodo riproduttivo.

Quando la scorpena volante è pronta per riprodursi le differenze fisiche tra i due sessi diventano più evidenti. I maschi in questa fase diventano solitamente più scuri, con le strisce molto meno evidenti. Le femmine diventano più chiare, con il ventre argenteo, più facili da individuare al buio.

Questa specie esegue un corteggiamento e si accoppia con più di una femmina.

Subito dopo il corteggiamento la femmina rilascia due gruppi di uova che galleggeranno in superficie e che saranno fecondate dal maschio. Il numero delle uova varia da 2.000 a 15.000.

I piccoli nasceranno a solo 36 ore dal concepimento. Una scorpena volante diventa adulta a circa un mese dalla nascita e può vivere fino a 10 anni.

Conservazione

Il pesce scorpione non è considerata al momento una specie a rischio estinzione.

Diffusione

Diffusione Pesce scorpione - Pterois-volitans
Diffusione Pesce scorpione – Pterois-volitans

Il Pterois volitans vive nell’Oceano Pacifico, lungo le coste del nord Australia, Thailandia, Malesia, Vietnam, Indonesia, Filippine, Papua, Nuova Guinea, Corea del Sud, Giappone e Polinesia.

Nel 1992, a causa dell’Uragano Andrew, un acquario contenente pesci leone si è rotto in Florida, liberando i pesci nelle acque dell’Oceano Atlantico. Per la sua capacità di adattamento questo pesce si è così diffuso fino al Mar dei Caraibi.

È quindi possibile trovarlo anche lungo le coste degli Stati Uniti, del Messico, della Colombia, del Venezuela, a Cuba ed in Jamaica.

Pesce scorpione – Pterois volitans