Ragno Eremita Marrone – Loxosceles reclusa

3189

Ragno Eremita Marrone – Loxosceles reclusa

Il ragno eremita marrone, Loxosceles reclusa, appartiene alla famiglia Sicariidae. A causa del suo potente veleno è uno dei ragni più pericolosi al mondo.

Il ragno eremita marrone è uno stretto parente del più famoso ragno violino ma il suo morso è ancora più pericoloso. In lingua inglese è conosciuto come Brown recluse spider.

Ragno eremita marrone - Loxosceles reclusa
Ragno eremita marrone – Loxosceles reclusa

Il Loxosceles reclusa ha una vita media di 2 – 2,5 anni in natura. In cattività invece può vivere fino a 5 anni. Questo ragno è presente esclusivamente negli Stati Uniti. Qui, a causa della moltitudine di ragni presenti in natura, il ragno eremita viene spesso confuso con vari tipi di ragni innocui.

Nel 2005 negli Stati Uniti è stato fatto uno studio che si è offerto di identificare eventuali ragni eremita. Durante questo esperimento sono stati inviati circa 600 ragni, molti di questi provenienti da persone che erano fortemente convinte di aver trovato un ragno eremita. Solo uno di questi era veramente un esemplare di Loxosceles reclusa.

In America inoltre, questo ragno ha una pessima fama. Si ritiene infatti che questo aracnide sia molto aggressivo e faccia di tutto per mordere le persone. In realtà, come la maggior parte degli animali, il ragno eremita attacca solo se molestato e se non ha vie di fuga.

Il ragno eremita è presente in grande abbondanza e per ora non è a rischio estinzione. Non compare quindi sulla lista rossa dell’IUNC.

Aspetto

Come per molti altri aracnidi, anche in questo caso la femmina ha dimensioni leggermente maggiori rispetto al maschio. La femmina misura in media 20 mm mentre il maschio ne misura 18.

Mentre la maggior parte dei ragno ha 4 paia di occhi, il ragno eremita marrone ne ha soltanto 3. Ha 4 paia di gambe che, in relazione al corpo, sono lunghe e sottili. Le gambe, a differenza di altri aracnidi, non hanno nè peli nè spine e sono di color marrone.

L’addome è grande e di forma ovale, il cefalotorace è schiacciato ed a forma di pera. Gli esemplari adulti hanno un colore che va dal giallo opaco al marrone scuro. I ragni più giovani invece sono di colore più chiaro. L’addome ha un colore omogeneo ed è ricoperto da peli corti.

Il ragno eremita marrone ha una caratteristica macchia scura a forma di violino sul dorso marrone chiaro. A causa di questa macchia il Loxosceles reclusa viene anche chiamato ragno violino.

Per l’identificazione del ragno eremita non è sufficiente la macchia a forma di violino. Questa infatti è presente anche su altri ragni della stessa famiglia. Per identificarlo è quindi necessario osservare la disposizione degli occhi.

Ragno eremita marrone - Loxosceles reclusa
Ragno eremita marrone – Immagine ingrandita della testa

Habitat

Il ragno eremita marrone è un animale notturno che predilige ambienti bui ed asciutti ricchi di fessure in cui ripararsi.

In natura può vivere all’aperto sotto alle rocce ed alla corteccia degli alberi. Ama particolarmente gli ambienti domestici dove si ripara spesso. Lo si può trovare dietro agli armadi, sotto ai battiscopa allentati, tra i vestiti, sotto ai lembi delle scatole di cartone e dietro alle librerie. A volte si ripara anche dentro le scarpe o sotto alle lenzuola utilizzate di rado.

Vivono anche nelle adiacenze delle abitazioni dove costruiscono le loro ragnatele tra le cataste di legno, nei garage e nelle cantine. Scelgono di solito luoghi in cui possono vivere indisturbati.

Comportamento

Il Loxosceles reclusa non è un ragno sociale ma tollerano la presenza dei propri simili. Infatti nei rifugi al buio sono spesso presenti più esemplari. Questi ragni costruiscono piccole ragnatele che però usano per la nidificazione e non per la caccia. Sono buoni cacciatori, per procurarsi il cibo escono di notte e vagano alla ricerca di prede.

Quando Il ragno eremita marrone si sente minacciato e si allarma, estrae e distende le 2 gambe posteriori alzando i pedipalpi in segno di difesa. In questi casi, quando può, fugge ed evita il contatto con l’intruso di turno. A volte, quando non può fuggire, simula addirittura la posizione del morto, restando praticamente immobile.

I contatti con gli umani, ed i morsi, avvengono quando il ragno eremita viene disturbato all’improvviso e si sente minacciato da vicino. Di solito a provocare il suo morso è il contatto involontario che spinge il ragno contro la pelle.

Ragno eremita marrone - Loxosceles reclusa
Photo credit: Mike Keeling@Flickr

Alimentazione

Il ragno eremita marrone è un animale spazzino, di prevalenza si nutre quindi di insetti già morti. Essendo un buon cacciatore comunque va anche in cerca di prede vive. In questi casi preferisce insetti con corpo molle come grilli, altri ragni, scarafaggi, pesciolini delle case ed altri ancora.

Sono ragni molto resistenti e possono resistere anche 6 mesi senza nè bere e nè mangiare.

Veleno

Il Loxosceles reclusa è un ragno molto pericoloso in quanto il suo veleno contiene sfingomielinasi D. Questo composto è un enzima che causa la necrosi dei tessuti.

Il veleno del ragno eremita marrone ha un LD50 di 0,48 mg/Kg.

Il suo veleno, oltre a causare la necrosi dei tessuti, in rari casi può provocare l’emolisi, ovvero la distruzione dei globuli rossi. Sempre raramente il morso del ragno eremita marrone può portare ad insufficienza renale, convulsioni, coma e morte.

I decessi però si verificano principalmente nei bambini, negli anziani e nelle persone con il sistema immunitario debilitato.

Il Morso del Ragno Eremita Marrone

Circa il 10 % dei morsi di ragno eremita marrone causa danni necrotici ai tessuti. Nella maggior parte dei casi il suo morso provoca lievi conseguenze che guariscono in pochi giorni senza l’intervento medico.

Il suo morso è spesso indolore ma, a causa del veleno emotossico, può portare a gravi conseguenze, a volte può essere anche letale. Il fenomeno che porta alla necrosi dei tessuti con la formazioni di ulcere più o meno gravi, prende il nome di Loxoscelismo.

Dopo aver subito il morso del ragno eremita marrone il dolore può svilupparsi dalle 2 alle 6 ore dopo. In caso di aggravamento della situazione si possono verificare i seguenti sintomi:

  • Nausea
  • Vomito
  • Febbre
  • Malessere
  • Prurito intenso
  • Dolori articolari
  • Ulcere e desquamazione della pelle

Quando si verifica la formazioni di gravi ulcere queste possono richiedere mesi per guarire e lasciano sempre vistose cicatrici.

Ragno eremita marrone - Loxosceles reclusa
Photo credit: Oakley Originals @Flickr

Cosa Fare in Caso di Morso

La prima cosa da fare in caso di morso è quella di applicare un impacco di ghiaccio nella zona del morso per controllare l’infiammazione. In seguito, se possibile, meglio catturare il ragno ed esibirlo al personale medico. In questo modo si evitano diagnosi sbagliate e si velocizza l’intervento medico.

È importante non manipolare la ferita ma recarsi al più presto presso un presidio medico.

Riproduzione

L’accoppiamento, come spesso accade per gli aracnidi, è preceduto da un rito di corteggiamento ed avviene sulla ragnatela. Per accoppiarsi il maschio deposita il suo sperma su di un sottile strato di tela.

In seguito il maschio raccoglie lo sperma con i suoi pedipalpi che poi inserisce nell’apparato genitale della femmina. Le femmina poi deposita le sue uova in un bozzolo di tela che di solito attacca ad una pianta.

Il bozzolo può contenere centinaia di uova che impiegano 2 settimane per schiudersi. I piccoli rimarranno per alcune settimane all’interno del bozzolo ed impiegheranno circa un anno per raggiungere l’età adulta.

Diffusione

Diffusione Ragno eremita marrone - Loxosceles reclusa
Diffusione Ragno eremita marrone – Loxosceles reclusa

Il ragno eremita marrone è presente negli Stati Uniti e precisamente nei  seguenti Paesi: Alabama, Arkansas, Carolina, Florida, Georgia, Illinois, Indiana, Iowa, Kansas, Kentucky, Louisiana, Messico, Mississippi, Missouri, Nebraska, Ohio, Oklahoma, Texas e Virginia.

Ragno Eremita Marrone – Loxosceles reclusa