Dendrobates tinctorius azureus – Rana Freccia Blu

2467

Dendrobates tinctorius – La Rana Freccia Blu

La rana freccia blu, nome scientifico Dendrobates tinctorius var. azureus, è un piccolo anfibio che in genere non supera i 4,5-5 cm di lunghezza. È conosciuta anche con il nome di okopipi, la sua famiglia di appartenenza è quella delle Dendrobates, ordine Anura. È conosciuta anche con il nome di rana freccia o dardo. Questi nomi sono dovuti agli indigeni che da sempre utilizzano il suo veleno per ricoprire le punte dei dardi delle cerbottane con cui cacciano.

Rana blu - Dendrobates tinctorius

La famiglia delle Dendrobates comprende diverse specie tutte caratterizzate da una colorazione sgargiante e da una estrema velenosità. Le specie più comuni sono la D.auratus, la D.histrionicus, la D.lehmanni, la D.leucomelas, la D.pumillo e la D.tintorius.

La Dendrobates tinctorius var. azureus hanno una colorazione blu con puntini neri. Questa colorazione serve ad avvertire gli eventuali predatori della sua tossicità.

La sua pelle contiene moltissime ghiandole che, in caso di pericolo, secernono veleni alcaloidi in grado di paralizzare ed uccidere gli eventuali predatori. I maschi e le femmine sono molto simili tra loro ma le ultime sono di dimensioni leggermente più grandi. I maschi invece, hanno le ventose situate nelle zampe inferiori più sviluppate rispetto alle femmine.

Dieta

Le rane freccia blu sono animali molto voraci, tanto che passano la maggior parte delle giornata alla ricerca di cibo. Si nutrono principalmente di piccoli insetti, come grilli, acari, formiche, piccoli ragni, tarme, moscerini della frutta e farfalline.

Grazie al loro veleno hanno pochi predatori ma i girini sono spesso preda di altri anfibi e rettili.

Veleno

Rana blu - Dendrobates tinctorius

Come la maggior parte delle rane appartenenti al genere Dendrobates, possiedono un veleno molto potente. In cattività non sono tossiche in quanto le tossine vengono prodotte dalla loro alimentazione allo stato naturale.

Al momento si ritiene che il veleno venga prodotto grazie ad un genere di formiche di cui le rane si nutrono. Il veleno contiene una tossina molto potente chiamata batracotossina che agisce sul sistema nervoso e sul cuore. Un esemplare può disporre di circa 3/4 di un milligrammo di veleno. La dose letale per un essere umano è di un milligrammo scarso.

Da questo si deduce che il contatto con una rana freccia blu in stato di agitazione può essere molto pericoloso.

Secondo il National Institute of Health il veleno di questo anfibio contiene più di 300 alcaloidi simili alla cocaina ed alla morfina.

Riproduzione

La stagione degli amori per la Dendrobates tinctorius var. azureus coincide con la stagione delle piogge delle foreste pluviali. Da metà luglio a metà settembre ha luogo un complesso rituale che il maschio adotta per attirare la femmina. I maschi lottano tra loro per conquistare i territori sui quali corteggiare le femmine che attirano poi con acuti vocalizzi.

Una volta che si stabiliscono le coppie, le femmine depongono dalle 5 alle 6 uova che normalmente depositano in pozze di acqua tiepida. In seguito i maschi fecondano le uova che sono protette da una sostanza gelatinosa.

Prima che le uova si schiudano passano in genere 12 giorni durante i quali il maschio della rana freccia blu controlla saltuariamente il loro stato. Una volta nati, i girini vengono presi in custodia dal maschio che li carica sulla schiena e li porta in un luogo sicuro. A questo punto i girini vengono lasciati soli ed impiegano dalle 6 alle 12 settimane per diventare rane adulte.

Rana blu - Dendrobates tinctorius

Habitat

La rana freccia blu è un animale che vive sulla terraferma ma rimane comunque vicino a fonti d’acqua. Raramente si spinge in acqua, lo fa quasi esclusivamente per deporre le uova. Il suo habitat è la foresta pluviale ad un’ altitudine che va fino ai 400 mt. È un animale diurno e vive principalmente tra la vegetazione a terra, sporadicamente si arrampica anche sugli alberi. Ha bisogno di una ambiente umido, dall’80 al 90 %, con temperature comprese tra i 25° ed i 30°.

Curiosità

In cattività la rana freccia blu può vivere dai 10 ai 20 anni.

Il nome tinctorius deriva dal fatto che alcune tribù indigene usano la Dendrobates tinctorius per cambiare il colore delle piume dei pappagalli verdi. In pratica strappano le piume della zona posteriore dei pappagalli e poi strofinano la parte esposta con la rana freccia blu. Quando le penne ricrescono hanno una colorazione che va dal rosso al giallo invece che verde.

Questo animale è stato utilizzato in campo informatico come simbolo del client Bit Torrent Vuze.

Distribuzione

La rana freccia blu vive in Guyana, a Panama, Suriname, Guyana Francese e parte del Brasile.

Diffusione rana freccia blu - Dendrobates tinctorius
Diffusione rana freccia blu – Dendrobates tinctorius

Dendrobates tinctorius – La Rana Freccia Blu