Crotalo adamantino occidentale – Crotalus atrox

3175

Serpente a Sonagli – Crotalus atrox

Il crotalo adamantino occidentale, identificato semplicemente come serpente a sonagli, nome scientifico Crotalus atrox, appartiene alla famiglia delle Viparidae.

Crotalo amantino, serpente a sonagli

La specie atrox è quella più conosciuta e diffusa del genere dei Crotali. Il termine crotalo deriva dalla parola greca Krotalon che vuol dire sonaglio, in riferimento agli anelli cornei presenti sulla punta della coda dei serpenti appartenenti a questo genere.

Questo serpente a sonagli è il responsabile del maggior numero di decessi per morso di serpente nel nord del Messico.

Aspetto

La lunghezza media del Crotalus atrox oscilla tra i 120 cm ed i 150 cm. Sono stati registrati esemplari di questo serpente a sonagli che hanno raggiunto lunghezze dai 180 cm ai 200 cm, ma sono casi piuttosto rari.

I maschi sono molto più grandi delle femmine e possono arrivare a pesare fino a 6,5 kg.

Il colore di fondo è solitamente marrone o grigio ma può essere anche rosato, giallo, rosso mattone o bianco. Il crotalo adamantino occidentale sul dorso ha delle macchie che possono essere esagonali o a forma di diamante. Le macchie sono solitamente di colore grigio scuro o marrone.

Il ventre è di colore chiaro, generalmente biancastro.

La coda presenta delle strisce nere alternate a bande bianche o grigio chiaro. Sulla punta della coda sono presenti gli anelli cornei, i famosi sonagli.

La testa è larga e ben distinta dal corpo. I denti sono lunghi, cavi e retrattili, si ripiegano quando il crotalo adamantino occidentale chiude la bocca.

Comportamento

È possibile incontrare questo serpente a sonagli sia di giorno che di notte.

Il Crotalus atrox è prevalentemente diurno in primavera ed in autunno, mentre diventa notturno nei mesi più caldi. In ogni stagione preferisce comunque essere attivo al crepuscolo.

Questa specie va in letargo dalla fine di ottobre all’inizio di marzo, nascondendosi in grotte e tane di altri animali. Dato che la sua temperatura corporea dipende da quella temperatura esterna, nei giorni più caldi della stagione invernale può comunque capitare di vederne alcuni esemplari scaldarsi al sole.

Il crotalo adamantino occidentale è un pessimo arrampicatore e vive in solitudine, tranne che nel periodo dell’accoppiamento.

È un serpente a sonagli piuttosto aggressivo. Quando il nemico si trova nel suo territorio, il Crotalus atrox lo affronta e non fugge mai. Quando si sente minacciato, avverte l’aggressore della sua presenza facendo frusciare i sonagli che ha nella coda. Se il nemico non indietreggia il crotalo adamantino occidentale attaccherà per difendersi.

Crotalo amantino, serpente a sonagli

Il veleno

Il veleno del crotalo adamantino occidentale non è tra i più potenti con un LD50  pari a 18,5 mg/kg. Avendo delle ghiandole velenifere e delle zanne molto grandi, questo serpente a sonagli può però iniettare grandi quantità di veleno.

Il Crotalus atrox può controllare la quantità di veleno che inietta nelle sue vittime e di solito riserva la quantità massima alle prede che può mangiare, quindi non all’uomo. Tuttavia esemplari giovani, feriti o impauriti possono essere estremamente pericolosi per la loro minore capacità di controllo. La quantità media di veleno che questi serpenti iniettano con un morso è di 300 mg e possono arrivare ad un massimo di 800 mg.

Il veleno del Crotalus atrox è emotossico, cioè colpisce principalmente le cellule del sangue, i vasi sanguigni ed il cuore. Questo veleno contiene anche citotossine che danneggiano le cellule dei tessuti ed i muscoli.

Sintomi

Quando si viene morsi da questo serpente a sonagli, i sintomi immediati nella zona del morso sono dolore, gonfiore, lividi, vesciche e necrosi.

In seguito si possono sperimentare sintomi variabili che includono mal di testa e vertigini, nausea e vomito, dolore addominale, convulsioni, diarrea ed emorragie. Nei casi più gravi si verificano miolisi, paralisi ed insufficienza renale.

Purtroppo, a causa del suo morso, si possono riportare danni permanenti ai tessuti ed amputazioni agli arti a causa della necrosi diffusa.

Un avvelenamento grave è molto raro ma può portare alla morte.

Il tasso di mortalità per il morso del crotalo adamantino occidentale in assenza di cure è del 20%. Nei casi in cui il morso viene trattato con l’antidoto, il tasso di mortalità scende al 4%.

Trattamento di Primo Soccorso ed Antidoto

Se si viene morsi dal Crotalus atrox è necessario chiamare immediatamente soccorsi per raggiungere un ospedale. È essenziale intervenire il prima possibile per evitare che la necrosi ai tessuti si estenda.

Non massaggiate né tagliate la ferita. Non cercate di far uscire il veleno e non metteteci pomate sopra. Praticare una fasciatura a pressione, come nel caso di una distorsione e steccate la zona colpita per immobilizzarla in più possibile. Le contrazioni muscolari infatti, facilitano l’assorbimento del veleno!

Non assumete alcool o sedativi e bevete acqua solo nel caso in cui passino molte ore prima di raggiungere un ospedale. Può rivelarsi necessario praticare la respirazione artificiale.

L’antidoto per il veleno del crotalo adamantino occidentale è un polivalente utilizzato per tutti i serpenti appartenenti al genere dei Crotali.

Habitat

Crotalo amantino, serpente a sonagli

Il Crotalus atrox vive nelle pianure costiere, in collina, nei deserti, nelle zone rocciose, nelle praterie. È facile trovare questa specie di serpente a sonagli anche nei boschi di querce o pini.

Alimentazione

Benché questo serpente a sonagli si alimenti mediamente ogni tre settimane, può vivere fino a due anni senza mangiare. Può infatti sopravvivere attingendo alle sue risorse interne di lipidi, diminuendo la sua massa ma continuando a crescere in lunghezza, sviluppando ossa e muscoli.

Le sue prede preferite sono i piccoli mammiferi ma è anche un predatore importante di roditori ed uccelli. Non disdegna cavallette, formiche e scarafaggi.

Accoppiamento e riproduzione

L’accoppiamento avviene in autunno e la gestazione dura tra i 6 ed i 7 mesi.

Tutti i serpenti appartenenti al genere dei Crotali sono ovovivipari, schiudono cioè le uova all’interno del loro corpo, dando alla luce piccoli vivi. Le femmine danno alla luce tra i 12 ed i 25 piccoli, velenosissimi già dalla nascita. I piccoli restano con la madre solo per alcune ore prima di trovare un nascondiglio ed iniziare a cacciare per conto proprio.

La maturità sessuale del crotalo adamantino occidentale arriva intorno ai tre anni d’età.

Questi serpenti possono vivere fino a 20 anni.

Conservazione

Grazie alla sua ampia distribuzione che presuppone un grande numero di esemplari, questa specie non è considerata a rischio estinzione sulla lista rossa IUCN. In ogni caso però, questa specie è purtroppo perseguitata dall’uomo che uccide questo serpente a sonagli per la sua carne, per la sua pelle o per semplice divertimento.

Anche il suo habitat naturale è minacciato dalla continua espansione delle attività umane.

Il Crotalus atrox, soprattutto quando è giovane, è inoltre predato in natura da diversi mammiferi come le volpi ed i cojote e da alcuni rapaci come il gufo ed il falco.

Diffusione

Diffusione
Diffusione Crotalus atrox, Crotalo adamantino, serpente a sonagli

Il crotalo amantino occidentale vive nel sud del Kansas, centro Arkansas, sud- est della California, sud-ovest dell’ Idaho, Messico, centro- sud del Nuovo Messico e dell’Arizona, Oklahoma e Texas. È possibile trovare il Crotalus atrox anche in diverse isole del Golfo della California.

Crotalo adamantino occidentale – Crotalus atrox